Tuesday, October 23, 2007

L’Era della IPinformation



La tecnologia attuale consente, ad una molteplicità di utenti, di accedere in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo alle informazioni necessarie, di selezionare dati tra diverse fonti e archivi informatici.
La diffusione molecolare dell'informazione è resa possibile con terminali portatili connessi alla rete, infatti gli utenti possono usufruire di una pluralità di dispositivi intelligenti, integrati nei più svariati tipi terminali mobili (cellulari,pda, smartphone, laptop) capaci di riconoscere e rispondere ininterrottamente in modo discreto e invisibile.
Tutto ciò favorisce user-empowerment degli utenti.

La banda larga insieme al versatile protocollo IP, che consente la separazione dei vari servizi web, hanno consentito lo sviluppo dell’IPinfo.
La IPinfo è :
• Ubiqua
• Interattività
• Interoperabile
• Multipiattaforma
• Always on
• Multidevice
• Nomadica
• Web2.0
La IPinfo consente ugc ( user generated contents ), il video-audiosharing, favorisce inoltre il social network, i blog, le R-Teach e la comunicazione virale e condivisa.
In tale contesto dove al centro risulta l’utente e non l’informazione, vengono spinte la multipersonalità, il multiruolo, la creatività e le emozioni.
Internauta web1.0 deve velocemente adattarsi ad una mutazione che allo stesso tempo cognitiva, comunicativa e sociale, sotto l’incalzare dell’ IPinformation.
La NetGeneration è già pronta.

3 comments:

CampoBaseWeb said...

A me questo user empowerment, reso possibile da una tecnologia che continua ad evolvere (senza che i suoi utenti potenziali glie lo abbiano mai chiesto), sembra solo un involucro vuoto di contenuto.

L'era della IP information la vivono quelli che fanno evolvere la tecnologia, da utenti con un interesse precostituito per la sua evoluzione (Vested Interest User ??).

La NetGeneration pronta è solo quella del cazzeggio, cioè dell'uso della tecnologia fine a se stesso (mi diverto ergo sum) e fine a se stessa (mi evolvo ergo sum).

Per me l'user-empowerment ci sarà, se mai ci sarà, quando gli utenti saranno capaci di usare la tecnologia per gestire e fare evolvere positivamente (il contrario di "degradare") il sistema in cui vivono, chiedendo alla tecnologia di adguarsi al loro bisogno di mantenere "quella" loro capacità di controllo.

Quell'ipotetico tipo di utente non riusciremo mai a vederlo emergere, se si continua a usare il "technology push" come stimolo, offrendo esempi di social network in cui si muovono principalmente soggetti con una "hidden agenda", cioè con il secondo fine (quello vero ma tenuto nascosto) di vedere evolvere la tecnologia. Punto e basta (per il momento e "as far as i can see ahead of me").
-luigi

Prof. Daniele Pauletto said...

condivido il punto "1 commentoChiudi la finestra Vai al modulo dei commenti
CampoBaseWeb ha detto...
A me questo user empowerment, reso possibile da una tecnologia che continua ad evolvere (senza che i suoi utenti potenziali glie lo abbiano mai chiesto), sembra solo un involucro vuoto di contenuto.

L'era della IP information la vivono quelli che fanno evolvere la tecnologia, da utenti con un interesse precostituito per la sua evoluzione (Vested Interest User ??).

La NetGeneration pronta è solo quella del cazzeggio, cioè dell'uso della tecnologia fine a se stesso (mi diverto ergo sum) e fine a se stessa (mi evolvo ergo sum).

l'user-empowerment ci sarà quando gli utenti saranno capaci di usare la tecnologia per gestire e fare evolvere positivamente (il contrario di "degradare") il sistema in cui vivono, chiedendo alla tecnologia di adguarsi al loro bisogno di mantenere "quella" loro capacità di controllo.

tuttavia penso che tali UTENTi saranno una nicchia , quella per capirci dlla regola 1.10.89 (suggerisce che su 100 utenti web solo 1% di essi è attivo nel produrre contenuti, informazioni web, contro il 10% che lo fa in modo molto sporadico e l89% che si limita ad usufruire dei contenuti )

Daniele Pauletto

CampoBaseWeb said...

Per fortuna si trova anche qualcuno che comincia a dire come la regola la si possa cambiare.

Although participation will always be somewhat unequal, there are ways to better equalize it ...

- Facilitare il compito di contribuire

- Fare in modo che partecipare sia un effetto collaterale

- Modificare invece di creare

- eccetera ..

In altre parole, ci vuole un'interfaccia da Web ..

- luigi